"L'Open Day" e gli Operatori economici

     Il COVALPA ABRUZZO insieme all’AMPP, si sono impegnati nella divulgazione e nella promozione del BIO e dei prodotti del Fucino. Venerdì 19 dicembre 2014 il COVALPA ha dato vita all’OPEN DAY, manifestazione che prevedeva l’incontro con imprenditori ed opinion leader.

      Il convegno si è suddiviso in tre step principali:

·        visite guidate presso le strutture del COVALPA ABRUZZO e dell’AMPP site a Celano, San Benedetto e Avezzano;

·        Finger Food

·        trattazione del tema “I PRODOTTI DI QUALITÀ DEL FUCINO INTEGRATI NELLE NUOVE MISURE DEL PSR 2014-2020 DELLA REGIONE ABRUZZO”.

      Nel convegno sono intervenuti personaggi importanti nel panorama agro-alimentare abruzzese: Rodolfo Di Pasquale presidente AMPP, Claudio Paris presidente COVALPA ABRUZZO, Antonio Del Corvo presidente della Provincia di L’Aquila, Pietro Spitali della Confederazione Italiana Agricoltori, Fabio Di Pietro della Coltivatori Diretti, Stefano Fabrizi della Confagricoltura, Carmine Rabottini dell’AGCI Agrital, Dino Pepe Assessore Agricoltura Regione Abruzzo, Lorenzo Bernardetti presidente della Commissione Agricolture Regione Abruzzo, Maurizio Di Nicola presidente Commissione Bilancio Regione Abruzzo, Giuseppe Di Pangrazio presidente Consiglio Regionale Regione Abruzzo e il moderatore Sante Del Corvo.

      Le priorità sugli argomenti, riguardo i prodotti del fucino, sono state quelle di:

 

·        promuovere il trasferimento di conoscenze e l’innovazione nel settore agricolo;

·        elencare la risorse del PSR 2014-2020 nelle diverse misure;

·        potenziare la redditività delle aziende agricole e la competitività in tutte le sue forme;

·        promuovere l’organizzazione della filiera alimentare comprese la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli;

·        preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura;

·        promuovere la conoscenza sulla nuova PAC in rapporto al PSR 2014-2020;

·        incentivare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare;

·        preservare la qualità dei prodotti del fucino integrati nelle nuove misure del PSR;

·        adoperarsi per l’inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali.

 

      Le seguenti attività sono incentivate al fine di raggiungere la competitività del settore agricolo, una gestione sostenibile delle risorse naturali e una coesione territoriale.

 


  • Teaser